Crea sito

Michael E. Salla: “L’oggetto alieno ‘Oumuamua’ è stato esplorato da una “missione spaziale segreta” (Video)

6 min


0
260 shares

Il 16 gennaio 2019, il capo del dipartimento di astronomia dell’università di Harvard, il prof. Abraham Loeb, ha rilasciato un’intervista in cui ha difeso il suo controverso articolo, in cui dichiarava che l’oggetto interstellare rilevato da un telescopio delle Hawaii il 19 ottobre 2017 e denominato “Oumuamua”, era un veicolo spaziale di qualche tipo.

Mentre gli astronomi continuano a discutere gli scarsi dati scientifici raccolti dai telescopi per determinare le origini e la natura di Oumuamua, un rapporto di un informatore/insider,  raccontadi una presunta missione spaziale su Oumuamua. La missione segreta avrebbe acquisito molti dati scientifici dopo essere atterrata su di esso. Molti non sanno che inizialmente a Oumuamua gli era stato dato il nome informale di Rama,  la nave spaziale abbandonata raffigurata nel romanzo del 1973 da Arthur C. Clark, Rendezvous with Rama (incontro con Rama) che è stata avvistata dopo essere passata vicino alla Terra.

Dato che l’oggetto interstellare è stato scoperto dal telescopio Pan-STARRS sull’osservatorio Haleakala sull’isola hawaiana di Maui, sono stati consultati due esperti della cultura di Hawaii. Lo chiamarono quindi Oumuamua – nome hawaiano che sta per “esploratore o messaggero di un lontano passato che si rivolgeva a noi”.

Misteriosa accelerazione di Oumuamua

Ciò che attirò davvero l’attenzione scientifica fu quando Oumuamua accelerò mentre si avvicinava al sole secondo i dati forniti dal telescopio Hubble nel giugno 2018. Mentre l’accelerazione è normale per le comete che hanno lunghe code ghiacciate, che si accendono spingendo in tal modo in avanti la cometa, Oumuamua non era una cometa. In qualche modo l’energia solare della nostra stella, sembrava accelerare Oumuamua in modo anomalo. Ciò ha portato il prof. Loeb e il suo collega dell’Harvard Smithsonian Center for Astrophysics, il dott. Shmuel Bialy, dichiarando che Oumuamua potrebbe aver dispiegato una vela solare ed è stato quindi caricato e accelerato quando ha ricevuto l’energia solare.

In alternativa, uno scenario più esotico è che ‘Oumuamua potrebbe essere una sonda completamente operativa inviata intenzionalmente nelle vicinanze della Terra da una civiltà aliena.  Nella sua intervista del 16 gennaio, Loeb ha elaborato l’idea di Oumuamua come una sorta di sonda interstellare aliena, oppure una boa alimentata da vele solari che un tempo monitoravano il traffico spaziale nella nostra regione locale della galassia. Loeb nel suo colloquio spiega che lui e il suo collega Bialy non sono gli unici astronomi a chiedersi se Oumuamua sia un veicolo spaziale extraterrestre, ma sono molto cauti a dichiarare pubblicamente le loro opinioni, data la scarsità di dati raccolti dai telescopi Pan-STARRS e Hubble.

Secondo Corey Goode,  che sostiene di aver lavorato su più programmi spaziali segreti, ha guardato una registrazione video di una missione di atterraggio segreta su Oumuamua, missione condotta da un’alleanza di questi programmi che hanno osservato l’oggetto spaziale per la prima volta, ma prima del suo ingresso nel nostro sistema solare. Ciò è particolarmente significativo dato che la scoperta “ufficiale” di Oumoamoa il 19 ottobre 2017 è avvenuta dopo che aveva superato il sole e stava volando oltre la Terra sulla parte in uscita del suo viaggio interstellare.

La credibilità di Goode come un insider genuino, ha ricevuto recentemente un notevole impulso con la conferma di due documenti DIRD (Defense Intelligence Reference Documents) che si occupano di “warp drives” e “wormhole attraversabili” rilasciati da lui verso la fine del 2017. I documenti hanno mostrato la fattibilità scientifica delle tecnologie avanzate di propulsione che Goode aveva rivendicato, e che erano utilizzate in programmi spaziali segreti come ad esempio il Solar Warden. I due documenti facevano parte di un elenco di 38 documenti “Non classificati: solo per uso ufficiale” che la Defense Intelligence Agency ha confermato come autentici il 16 gennaio 2019,  in risposta a una richiesta fatta della Freedom of Information Act da parte della Federazione degli scienziati americani.   La recente conferma dei documenti DIRD trapelati da Goode, significa che la sua testimonianza su Oumuamua non può essere semplicemente respinta inavvertitamente, e vale la pena considerare gli astronomi in cerca di risposte all’origine e alla composizione di Oumuamua.

Oumuamua, una nave spaziale extraterrestre abbandonata

Nel gennaio 2018, Goode fornì una descrizione dettagliata di ciò che vide in un video mostrato a lui e ad altri che partecipavano a un briefing sulle recenti attività nello spazio segreto. Goode ha scritto di quello che ha visto insieme alla spiegazione di un ex ufficiale dell’USAF [un certo Sigmund] che ha partecipato al briefing:

“La persona che ha guidato l’incontro ha poi portato la nostra attenzione su un grande monitor a pad di vetro che si stava abbassando dal soffitto. Sigmund si alzò in piedi e disse “Ho una sorpresa per entrambi.” Si avvicinò al monitor e lo fissò mentre parlava. Dichiarò che stavano monitorando quella che sembrava una nave spaziale abbandonata diretta verso il nostro Sistema Solare. Questo sarebbe stato lo stesso “asteroide” a forma di sigaro che la NASA e i media mainstream hanno soprannominato Oumuamua, e pubblicizzato ampiamente in questo stesso periodo di tempo.”

Goode ha poi spiegato cosa gli è stato detto della missione spaziale segreta inviata per osservare e atterrare su Oumuamua:

Sigmund sbuffò orgogliosamente e dichiarò: “Ho guidato una spedizione per vedere a chi apparteneva questo oggetto. Aspetta di sentire quello che abbiamo trovato. “All’improvviso abbiamo iniziato a vedere ogni tipo di letture e telemetria sul monitor. Potevo anche sentire quello che sembrava una vecchia trasmissione radio della NASA. C’erano segnali acustici e un pilota che chiamava in posizioni del suo velivolo, oltre a quello con cui stava cercando di attraccare. È durato circa cinque minuti, quando ho visto i due velivoli avanzare a spirale sempre più vicini.

Mentre il pilota combaciava con la rotazione dell’oggetto a cui si stavano avvicinando, potevi vedere una lunga struttura a forma di sigaro che aveva chiazze lucenti di quello che sembrava ghiaccio sul lato esterno. Era evidentemente fatto di pietra, e sembrava che fosse passato attraverso molte piogge di meteoriti e collisioni. Il video si aprì su una scena in cui alcune persone che indossavano tute spaziali si stavano spingendo attraverso quella che sembrava una buca o foro che scendeva nella roccia.


Goode ha  anche descritto che cosa hanno trovato gli astronauti del programma spaziale segreto entrando in Oumuamua:

“La navetta era ormeggiata con la nave misteriosa vicino a quella che sembrava una cupola ovale metallica, che si trovava a circa un terzo della sua fusoliera. Sembrava essere stato violato molte volte ed era pieno di buchi e ammaccature da impatti evidenti. Nella scena successiva, potresti vedere gli uomini in un ambiente senza peso, con le luci sul petto, i caschi e la parte superiore dei polsi. Si separarono e stavano parlando tra loro attraverso i sistemi di comunicazione delle loro tute spaziali. Uno di questi stava scheggiando campioni dai residui ghiacciati sui pavimenti e sui muri. Lo stesso fango organico e congelato si trovava anche all’esterno della nave. Sembrava acqua di lago schiumosa e sporca che era stata congelata. La nave era ovviamente molto antica. Era stata abbordata e privata della tecnologia molte volte da razze sconosciute aliene. Sigmund dichiarò che quando testarono il fango in seguito, stabilirono che erano in parte i resti dell’equipaggio originale. C’erano molti pannelli rimossi dalle pareti, dai soffitti e dai pavimenti, lasciando vuoti scomparti dove una volta si trovava la tecnologia.”

Goode proseguì descrivendo la scoperta di corpi preservati di ex membri dell’equipaggio, l’identità di un’antica razza extraterrestre a cui appartenevano, l’imbarcazione intrappolata in orbita per milioni di anni e un linguaggio geroglifico trovato all’interno del velivolo.

molti ricorderanno l’astronave aliena adagiata su un cratere lunare, astronave scandagliata durante la missione Apollo 20. La nave spaziale era piena di fori da impatto sulla sua superficie e alcuni corpi alieni furono ritrovati nel suo interno

Tutto ciò potrebbe sembrare incredibile per gli astronomi che si affidano ai pochi dati forniti dai due telescopi che osservano Oumuamua da una grande distanza. Il rilascio da parte di Goode di documenti DIA che dimostrano la fattibilità di sistemi di propulsione avanzati come i motori a curvatura, conferisce un certo grado di credibilità alla sua affermazione che una missione nello spazio segreto di Oumuamua è stata condotta e registrata su video.

È certo che il video di Goode testimoniato, è stato mostrato a molti scienziati che hanno bisogno di sapere all’interno del mondo nascosto dei programmi spaziali segreti. La somiglianza tra il resoconto di Goode e quello che ha descritto Clark nel film “Rendezvous con Rama” è straordinario. Forse il professor Loeb e il dott. Bialy potrebbero essere stati messi al corrente di tali straordinarie informazioni e stanno presentando la loro ipotesi di astronavi Oumuamua per aprire la mente a colleghi increduli. Alla fine, tali dati classificati verranno rivelati per fornire un’immagine molto più accurata e completa di oggetti come Oumuamua che entrano nel nostro sistema solare e le missioni classificate a questi condotte da più programmi spaziali segreti.

scritto da Michael E. Salla

© Michael E. Salla, Ph.D

Traduzione a cura della Redazione segnidalcielo


Like it? Share with your friends!

0
260 shares
Nibiru2018

Inline
Inline