Crea sito

Sensazionale Scoperta!! La Piramide di Giza concentra “Energia Elettromagnetica” nelle sue camere interne

4 min


0
40 shares

I segreti della Grande Piramide di Giza continuano a svelarsi mentre gli scienziati scoprono che può focalizzare l’energia elettromagnetica attraverso le sue camere nascoste. Questo include due camere all’interno e una terza non finita sotto la base della piramide stessa. Ora gli scienziati dicono che questa scopertas potrabbe portare ad una innovazione e quindi a progetti per nuovi sensori più efficienti per il rilevamento di nanoparticelle.

Un team di ricercatori tedeschi e russi ha scoperto che la piramide di Giza in Egitto, centralizza l’energia elettromagnetica nelle camere interne e si concentra sul fondo sotterraneo. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Applied Physics.

Le notevoli proprietà elettromagnetiche della Grande Piramide di Giza potrebbero presto ispirare progetti per nuovi sensori di nanoparticelle e celle solari ad alta efficienza. Gli scienziati hanno scoperto che la famosa piramide concentra l’energia elettrica e magnetica nelle sue camere interne e sotto la sua base, creando tasche di maggiore ener gia.  Se questo effetto di concentrazione è in grado di essere ricreato su una dimensione nanometrica, potrebbe portare a un’ondata di nuovi sensori e celle solari più efficienti, affermano i ricercatori. Mentre la piramide da 146 metri costruita migliaia di anni fa per il faraone Khufu ha a lungo tratto intrighi per le sue presunte qualità mitiche, lo studio è tra un crescente corpo di ricerca che tenta di arrivare finalmente al fondo delle sue proprietà fisiche.

“Le piramidi egiziane hanno sempre attirato grande attenzione”, afferma il dott. Andrey Evlyukhin, supervisore scientifico e coordinatore della ricerca. “Anche noi, come scienziati, eravamo interessati a loro, così abbiamo deciso di considerare la Grande Piramide come una particella che dissipa le onde radio in modo risonante”.

Il team di ricerca internazionale ha esaminato la relazione tra la forma della Grande Piramide di Giza e la sua capacità di focalizzare l’energia elettromagnetica. Per fare questo, il team guidato dall’Università ITMO di San Pietroburgo, in Russia, ha creato un modello di Pyriadmid, una delle sette meraviglie del mondo antico, per misurarne accuratamente la risposta elettromagnetica. I ricercatori hanno usato il modello per vedere come l’energia delle onde è dispersa o assorbita dalla piramide. Hanno testato le interazioni con onde di lunghezza risonante, che vanno da 200 a 600 metri (656ft a 1.968ft).

Tuttavia, a causa della mancanza di informazioni affidabili sulle proprietà della piramide, la squadra è stata costretta a compilare gli spazi vuoti per alcuni fattori del loro modello. “Abbiamo dovuto usare alcune supposizioni”, ha ammesso Evlyukhin. “Ad esempio, abbiamo assunto che non ci siano cavità sconosciute all’interno e che il materiale da costruzione con le proprietà di un calcare ordinario sia uniformemente distribuito dentro e fuori dalla piramide.

“Con queste ipotesi fatte, abbiamo ottenuto risultati interessanti che possono trovare importanti applicazioni pratiche.” Gli scienziati hanno usato l’analisi multipolare – un metodo ampiamente usato in fisica per studiare l’interazione tra un oggetto complesso e un campo elettromagnetico – per rivelare come la piramide concentra l’energia elettromagnetica nelle sue camere sotterranee.

Questo include le due camere che si ritiene abbiano contenuto i resti del faraone Khufu e sua moglie, così come la terza camera incompiuta sepolta sotto la base. Gli antichi egizi, che secondo la scienza ufficiale costruirono le piramidi più di 4.400 anni fa, non erano consapevoli di questa stranezza del design. Secondo alcuni ricercatori UFO e esperti di Antichi Alieni, le Piramidi furono costruite con l’aiuto di tecnologie che non appartenevano a questo mondo, molto probabile con l’ausilio di esseri di altri mondi.

Tuttavia, i ricercatori ora credono che la relazione tra il design della piramide e la sua capacità di focalizzare l’energia delle onde fino al suo nucleo potrebbe svolgere un ruolo importantissimo per la ricerca sulle nanoparticelle in futuro. Quando si considera la piramide su un substrato – come il plateau calcareo – i ricercatori dicono che focalizza l’energia attraverso gli spazi vuoti al substrato.

“Nel caso della Piramide sul substrato, alle lunghezze d’onda più corte, l’energia elettromagnetica si accumula nelle camere fornendo i massimi spettrali locali per i campi elettrici e magnetici”, hanno scritto i ricercatori nello studio. “È dimostrato che fondamentalmente la piramide disperde le onde elettromagnetiche e le focalizza nella regione del substrato e questo per noi rimane un mistero da scoprire.

Sebbene questa ricerca sembri non convenzionale, i moderni approcci fisici sono stati precedentemente utilizzati per studiare la Grande Piramide e hanno portato alla scoperta di una struttura completamente nuova”, ha detto Antonija Grubisic-Cabo, un fisico dell’Università di Monash che non è stato coinvolto nella ricerca . “Dato che questa ricerca è completamente teorica, è difficile dire cosa possiamo aspettarci che porti, o se è addirittura possibile farlo nella vita reale.” Tuttavia, i ricercatori che sono dietro lo studio, sono fiduciosi che il modo in cui l’energia elettromagnetica si distribuisce nella piramide potrebbe aiutare gli scienziati a creare progetti per il futuro e riguardanti nuovi sensori di nanoparticelle molto più efficienti.

Ciò dipende dal fatto che i ricercatori siano in grado di ricreare l’effetto di concentrazione osservato nella Grande Piramide di Giza su una dimensione di nanoscala. La dott.ssa Polina Kapitainova, della Facoltà di fisica e tecnologia dell’Università ITMO, ha dichiarato: “Scegliendo un materiale con proprietà elettromagnetiche adeguate, possiamo ottenere nanoparticelle piramidali con una promessa per l’applicazione pratica in nanosensori e celle solari efficaci.”

Da rammentare che figure storiche come Alessandro il Grande, Giulio Cesare e Napoleone si avventurarono all’interno della grande piramide per trascorrere una notte e che presumibilmente hanno avuto esperienze “mistiche”. La nuova scoperta fatta dal team internazionale di scienziati, sembra convalidare l’ipotesi circa la vera funzione della Grande Piramide come una macchina per la memorizzazione, concentrazione o canalizzazione di una certa energia, forse la stessa che ha causato forti allucinazioni ed esperienze mistiche ad alcuni capi storici.

Fonte: Segnidalcielo


Like it? Share with your friends!

0
40 shares
Nibiru2018

Inline
Inline